Maurizio Gabbana. Con la luce negli occhi - Presentazione del libro
Maurizio Gabbana. Con la luce negli occhi – Presentazione del libro
14/06 | 18:00 - 20:00

MEF | Museo Ettore Fico
Via Francesco Cigna 114, Torino, 10155


Presentazione del libro Con la luce negli occhi di Maurizio Gabbana
nell’ambito di Fo.To – Fotografi a Torino
in collaborazione con CSA Farm Gallery
presso MEF – Museo Ettore Fico – via Francesco Cigna, 114

Relatore: Prof. Alessandro Carrer (Estetica della Fotografia, ISIA Urbino)
Intervengono: Prof. Rolando Bellini, docente di Storia dell’Arte all’Accademia di Belle Arti di Brera;
Marcello Corazzini, gallerista CSA Farm Gallery di Torino

Prenotazioni: info@csafarmgallery.it / marcello.corazzini@gmail.com +39 3397796065

Maurizio Gabbana – fotografo
Maurizio Gabbana va veloce, passa da un progetto all’altro senza fermarsi a riflettere: va di fretta come si va di fretta a Milano e lui del milanese incarna l’essenza, nonostante la famiglia abbia origini nella Marca Trevigiana.
Nel suo modo di lavorare non c’è studio, né riflessione, ma istinto alla stato puro, più qualcos’altro che potremmo definire ispirazione e che lui, dal punto di vista di una persona molto religiosa, rende un concetto meno vago. Le foto di Gabbana sono un eterno presente estatico, una celebrazione della fotografia come istinto puro, non motivato da nulla se non dal piacere del guardare, dello stupirsi con una capriola che fa vedere il mondo al contrario.
Maurizio Gabbana nasce a Milano nel 1956. Autodidatta, si appassiona alla camera analogica già da bambino. I suoi riferimenti visivi sono prevalentemente pittorici; da sempre appassionato della grande pittura del passato, ha studiato a lungo le tecniche di rappresentazione della luce di artisti come Caravaggio e Rembrandt, come si osserva ad esempio nel suo modo di rappresentare i cieli. Attraversa le città e i luoghi in cui si ritrova cercando di viverne intensamente la quotidianità, ricercandone l’essenza profonda come un ospite silenzioso in ascolto. Predilige le architetture ma si misura anche con la natura e i suoi fenomeni. Frequenta con parsimonia le mostre di altri fotografi, forse per timore di rimanerne condizionato. La sua ricerca fotografica si esprime con scatti di espressione artistica e nella camera oscura sperimenta e realizza le sue visioni.